Palazzo
di cristallo

INTERVISTA DI CEO MAGAZINE


Daniela Riccardi Baccarat CEO

DANIELA RICCARDI svela le opportunità che attendono Baccarat,
l'esclusivo marchio di cristalleria di lusso con alle spalle 255 anni di storia.

TESTO EMMA WHEATON
IMMAGINI BACCARAT

Esistono alcuni marchi che sono sinonimo di lusso e artigianalità di altissimo livello, noti per rappresentare la crème de la crème nel loro settore. In materia di cristallo, questo marchio è Baccarat. Che si tratti di un bicchiere da Champagne per un'occasione speciale o di un lampadario sfarzoso in un ristorante esclusivo, è probabile che sia stato realizzato con cristallo Baccarat per impressionare chi guarda.
“Credo che Baccarat non abbia concorrenza,” afferma l'entusiasta Amministratore delegato Daniela Riccardi. “Baccarat è diverso da molti altri marchi di lusso: produce ogni cosa che vende. Esistono altri produttori di cristallo che realizzano begli articoli, ma nessuno di loro ha l'approccio che contraddistingue Baccarat. Nessuno di loro ha la fama, la storia.”

craftman's hands holding a glass from Tsar collection

È questa stessa passione e il rispetto per la qualità e il lusso che hanno spinto Daniela, dopo una carriera di venticinque anni in Procter & Gamble, prima verso un marchio di moda e poi nel ruolo di Amministratore delegato dell'azienda francese produttrice di cristalli pregiati.

Quando è entrata in Baccarat, il marchio specializzato in articoli per la tavola, accessori e gioielli in cristallo ma anche musei, hotel e ristoranti, la Maison stava celebrando il suo 250° anniversario. In un'attività commerciale, una simile occasione è un traguardo importante e raro da raggiungere, e la sfida di unirsi a un'azienda con un'eredità di questo tipo ha suscitato l'interesse di Daniela.

“Ero tentata di provare a trasformare Baccarat... è un marchio eccezionale, con una storia eccezionale, ma non era un'azienda particolarmente ricca”, spiega Daniela. Tuttavia, sapeva di poter attingere alla sua esperienza con aziende più grandi e più strutturate per cercare di continuare a far vivere il marchio per altri 250 anni e oltre.

Questo accadeva nel 2014. Oggi, Daniela spiega come ha portato avanti nel tempo la sua missione. “Ho lavorato duramente per cinque anni”, dichiara. “Siamo tutti molto orgogliosi che quest'azienda sia finanziariamente molto stabile e che continui a produrre creazioni eccezionali. Ora stiamo per scrivere un nuovo capitolo, ma su una base molto più solida, dal punto di vista finanziario e dell'immagine.”

È un chiaro riferimento alla notizia del 2018 relativa all'acquisizione di Baccarat per un importo di 164 milioni di euro da parte di Fortune Fountain Capital, guidata dall'imprenditrice cinese Coco Chu.

“Il marchio è globale, famoso in tutto il mondo, tuttavia ha una presenza sporadica”, dichiara Daniela. “Una grande opportunità per crescere è avere una presenza più forte.”

Daniela rivela che il piano di Baccarat consiste nell'offrire un approccio all'acquisto più esperienziale. “Il nostro format per il futuro prevede boutique e lounge, in modo che il cliente abbia la possibilità di testare l'unicità dell’esperienza legata al prodotto e abbia ancora più voglia di acquistarlo” afferma. “Vogliamo ampliare la presenza del marchio, in particolare in mercati quali la regione della Grande Cina, l'Asia in generale e gli Stati Uniti - i principali mercati del lusso a livello mondiale. Abbiamo ancora molte opportunità.”

IN BREVE

– Sono necessari 15 anni per foggiare con suprema maestria il cristallo e sfruttarne le infinite possibilità scultoree.

– Baccarat annovera il più alto numero di Meilleurs Ouvriers de France (Migliori artigiani di Francia) fra le Maison francesi del lusso.

craftman working on a Baccarat pitcher

Il marchio non si sta solo espandendo geograficamente, ma intende anche estendersi in nuovi settori, come profumi e arredo. Baccarat, inoltre, mira ad ampliare la partnership con il precedente azionista Starwood, cosa che comporterà nuove aperture di hotel di lusso, sulla scia del successo del Baccarat Hotel di New York.

Naturalmente, niente di questo sarebbe possibile senza il talento eccezionale degli artigiani di Baccarat. “Abbiamo degli artigiani straordinari, simbolo di virtuosità nel loro campo, riconosciuti dal Ministro della Cultura francese per la loro eccellenza e dotati di un savoir-faire ineguagliabile nel resto del mondo” afferma Daniela.

“Ogni articolo è prodotto nello stesso stabilimento in cui Baccarat ha iniziato 255 anni fa”, sottolinea. “È una cosa unica. Lo stesso impianto, le stesse fornaci. Detto questo, dobbiamo conquistare la fiducia e l'intesa con i nostri clienti ogni giorno e cerchiamo di farlo con la nostra eccellenza operativa.”

Secondo Daniela, oggi capire il cliente Baccarat non si limita unicamente a soddisfare i clienti fidelizzati che hanno acquistato i cristalli del marchio per anni, ma anche riconoscere come l'azienda possa adattare il marchio a una nuova generazione di clienti del lusso, compresa la generazione più giovane e quelle negli importanti mercati statunitense e cinese.

Three sculptures from Metropolis collection

Dopo oltre 3 anni di esperienza imprenditoriale, Daniela rivela che le sue chiavi per il successo sono passione e disciplina. “Devi appassionarti al tuo marchio, alle opportunità e a ciò che puoi ottenere, ma non basta... La passione senza la disciplina non porta molto lontano” afferma. “Cerco di insegnarlo alle persone con cui collaboro perché credo che questo binomio sia fondamentale per il successo negli affari.”

Per quanto riguarda il futuro e le nuove opportunità, Daniela guiderà la Maison Baccarat tenendo presente due concetti. “Mi assicuro sempre di svegliarmi e di venire al lavoro ogni mattina con due cose in mente: una bella dose di lungimiranza e coraggio”, dichiara.


Per maggiori informazioni, visita theceomagazine.com.